Accordo per acqua del Ragoleto, eviterà emergenze in città: “Piena disponibilità da Eni”

 
0
Conti ha convocato tutti i sindaci dell'ambito

Gela. L’ultimo incontro dello scorso venerdì è stato decisivo. L’Ati, Eni e Siciliacque hanno siglato un accordo per assicurare fonti di approvvigionamento idrico alternative, così da evitare emergenze in città. Nel caso di stop alle forniture, come capita troppo di frequente, si attiveranno le fonti alternative, messe a disposizione da Eni. L’hanno spiegato il presidente dell’Assemblea territoriale idrica Massimiliano Conti e il sindaco Lucio Greco, che hanno spinto sull’accordo. “Ho sempre lavorato affinché Gela superasse momenti di crisi – ha spiegato Greco – fino ad ora, non erano mai state trovate soluzioni. Venerdì scorso, abbiamo incontrato i manager di Siciliacque, Caltaqua ed Eni e c’è stata la possibilità di individuare soluzioni perché la città non rimanga più senza acqua. Eni eviterà crisi come quella della scorsa estate. Sono tre le fonti che abbiamo individuato”.

Un’intesa che dovrebbe evitare nuove emergenze, ne è convinto anche Conti. “Il destino delle forniture a Gela dipendeva dalla rottura anche di un solo tubo e non era possibile – ha spiegato Conti – occorreva trovare soluzioni alternative. Sono due quelle operative che abbiamo trovato. L’inversione dell’adduzione di Siciliacque da Gela ad Agrigento, operativa dall’1 aprile. Si parla di 120-130 litri al secondo. L’altra fonte è nel residuo acqua del Ragoleto, fino a 100 litri al secondo che ci concede Eni. Per sessanta ore la città potrà fare ricorso a fonti alternative nel caso di rotture su Ancipa e Aragona-Gela. La dotazione rimarrà quindi di 180 litri al secondo. Bisogna arrivare alla normalizzazione”. Sull’intesa, c’è la firma del presidente di Raffineria Francesco Franchi, che ha detto sì all’acqua del Ragoleto per Gela. Potrebbe essere usata anche quella dei pozzi Pantanelli, ma solo con l’autorizzazione di Asp. Eni ha dato piena disponibilità a sostenere la città, con le forniture in caso di emergenza.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here