Il presunto accordo mafia-politica a Niscemi, più di cento intercettazioni al vaglio dei periti

 
0
Uno degli incontri ripresi dagli investigatori

Gela. Due periti per trascrivere il contenuto di circa centocinquanta intercettazioni, soprattutto ambientali. L’incarico è stato assegnato dal collegio penale del tribunale di Gela nel corso del dibattimento scaturito dall’inchiesta “Polis”. I pm della Dda di Caltanissetta sono convinti che l’elezione dell’ex sindaco di Niscemi Francesco La Rosa sia stata sostenuta dalla famiglia di cosa nostra e da uno dei suoi referenti principali, il boss Giancarlo Giugno (a sua volta a giudizio per gli stessi fatti). I due esperti dovrebbero depositare l’elaborato entro il termine di novanta giorni. A processo sono finiti l’ex sindaco ma anche i gelesi Calogero Attardi e Giuseppe Attardi, Salvatore Mangione, Giuseppe Mangione, Francesco Alesci, Francesco Spatola. In base alle accuse ci sarebbe stato un vero e proprio patto tra politica e mafia. Il collegio inoltre ha respinto le opposizioni formulate dai difensori degli imputati che hanno contestato la decisione di sospendere i termini di custodia cautelare. Il presidente Miriam D’Amore (a latere Marica Marino e Tiziana Landoni), ha invece deciso per la sospensione davanti ad attività dibattimentali ritenute complesse, anche per la mole degli atti d’indagine.

In aula, l’accusa è sostenuta dal pm della Dda nissena Luigi Leghissa. Il Comune di Niscemi è parte civile, con l’avvocato Massimo Caristia. Gli imputati invece sono difesi dagli avvocati Flavio Sinatra, Maria Concetta Bevilacqua, Gino Ioppolo, Giuseppe D’Alessandro, Rocco Di Dio e Claudio Bellanti. Il blitz scattò a conclusione di una lunga indagine e all’indomani del cambio di guardia al municipio niscemese. Le manette scattarono anche per l’ex sindaco La Rosa, che invece ha sempre escluso qualsiasi condizionamento mafioso.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here