Riunione Greco-confraternite: Cascino, “73 aree a Farello da rimettere a bando”

 
0
Un sopralluogo di Greco a Farello

Gela. Sotto verifica ci sono diverse possibili soluzioni, nel tentativo di evitare l’ennesima emergenza loculi. Nella serata di ieri, il sindaco Lucio Greco e i tecnici del Comune hanno avuto un nuovo, lungo, incontro con i rappresentanti delle confraternite di Farello, che si sono anche rivolti al Tar Palermo per fermare la pratica delle requisizioni, ormai da anni unica via amministrativa per evitare situazioni sempre più complesse. Sembrerebbe che ci sia un’apertura proprio dalle confraternite, disponibili a concedere un numero prestabilito di loculi, che però dovrà coprire l’intero anno. Stop alle ordinanze non concordate, quindi. Per il resto, si attende che l’edilizia cimiteriale faccia il suo corso. L’amministrazione comunale, la scorsa estate, ha ripreso il progetto che dovrebbe condurre alla realizzazione di almeno mille loculi, oltre a quelli prefabbricati, predisposti sempre a Farello. Ieri mattina, il sindaco ha avuto altre riunioni e durante un confronto con esponenti di maggioranza, è stato il consigliere Vincenzo Cascino a chiedere che si valuti la possibilità di rimettere a bando almeno 73 aree a Farello, che negli scorsi anni erano state concesse per la realizzazione di cappelle e monumentini, i cui lavori però non sono mai iniziati o comunque non sono stati conclusi.

“Il Comune potrebbe riacquisire quelle aree – spiega Cascino – ovviamente, restituendo quanto già versato da chi le aveva ottenute in concessione. Potrebbero essere rimesse a bando e riassegnate, così da valorizzare le aree che sono rimaste vuote o incomplete, ma allo stesso tempo creando nuovi posti. E’ una possibilità che ho avanzato durante l’incontro con il sindaco, in presenza del dirigente del settore”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here