Firmato l’accordo di programma, da Di Maio c’erano Arena e Turano: “Momento importante”

 
1
Il momento della firma al ministero

Gela. Chiuso l’iter dell’accordo di programma. In tarda mattinata, al Ministero dello sviluppo economico è stato siglata l’intesa che riguarda le aree di Gela, Venezia e Frosinone. Una dotazione da venticinque milioni di euro per coprire progetti per i ventidue comuni dell’area di crisi complessa, successiva alla riconversione della fabbrica Eni di contrada Piana del Signore. Insieme al ministro Luigi Di Maio e all’assessore regionale Mimmo Turano, c’era il commissario Rosario Arena. “Una firma importante – commenta a caldo – con una buona dotazione finanziaria. Spetterà poi ad Invitalia garantire le fasi successive”.  A Roma anche il dirigente dello Sviluppo Economico Tonino Collura. Fino alle scorse ore, però, buona parte della politica locale e la triplice sindacale di Cgil, Cisl e Uil hanno chiesto di rivedere l’intesa, soprattutto sul fronte della copertura finanziaria, ritenuta del tutto insufficiente agli investimenti. La firma però è arrivata sul testo già autorizzato dall’ex giunta Messinese e da quella regionale.

L’impegno finanziario  ammonta complessivamente a 25 milioni di euro di cui 15 milioni stanziati dal Mise e 10 milioni dalla Regione Siciliana. Alle aree di crisi di Venezia e Frosinone, per cui erano presenti i presidenti Zaia e Zingaretti, sono stati destinati rispettivamente 20 e 10 milioni. 

“La firma di questo accordo – ha commentato l’assessore Turano – era una delle priorità che ci eravamo dati con il Presidente Musumeci all’indomani del nostro insediamento. Si tratto di un traguardo molto importante che è stato possibile raggiungere in tempi brevissimi grazie alla collaborazione virtuosa tra le istituzioni locali e il Ministero dello Sviluppo Economico. Adesso è fondamentale un lavoro di squadra con le imprese che saranno le vere protagoniste di questo piano ambizioso di riqualificazione e rilancio di Gela”.  

L’esponente della giunta Musumeci ha anche concordato con Invitalia e il Comune di Gela l’apertura di uno sportello informativo: “è fondamentale che sul programma di riconversione e riqualificazione industriale ci sia la massima informazione e trasparenza”. 

“E’ chiaro che sulla copertura finanziaria c’è da fare di più – dice il segretario confederale dell’Ugl Andrea Alario – ma la firma all’accordo era essenziale. Adesso, devono partire i progetti finanziabili. Parliamo di almeno cinquemila possibili posti di lavoro nell’area locale”.

1 commento

  1. Bravissimo commissario Arena….complimenti intanto partiamo con questi finanziamenti poi sicuramente i sindacati e la politica se capaci nefaranno arrivare altri…cinquemila posti di lavoro per Gela sono importantissimi non si puo’ correre il rischio di perderli….

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here