Un furto a Scavone, in appello arrivano due assoluzioni: condanna ridotta ad Alma

 
0

Gela. Il furto in un appartamento di Scavone lo mise a segno, ormai quattro anni fa, solo Giovanni Alma. E’ arrivata l’assoluzione invece per il fratello Francesco e per Giuseppe Valenti. I tre vennero fermati dai poliziotti mentre scendevano da un’automobile. Dopo le segnalazioni arrivate da alcuni residenti della zona, gli agenti ritennero che fosse proprio l’auto usata per arrivare a Scavone e commettere il furto. In primo grado, i tre furono tutti condannati a due anni e otto mesi di reclusione. Le difese però hanno impugnato la decisione davanti ai giudici della Corte d’appello di Caltanissetta. Gli avvocati Salvo Macrì e Cristina Alfieri sono riusciti a dimostrare che Francesco Alma e Giuseppe Valenti solo per una casualità si trovarono insieme a Giovanni Alma. Lo avrebbero dovuto accompagnare a recuperare la sua automobile. Al furto, invece, non avrebbero partecipato. Una linea che è stata ricostruita in giudizio proprio dalle difese, al punto da convincere la Corte d’appello.

A Giovanni Alma, così come chiesto dal legale Salvo Macrì, è stato invece concesso il concordato, con la riduzione della condanna ad un anno e otto mesi di detenzione. L’imputato, già in fase di indagine, aveva ammesso le sue responsabilità ma ha sempre scagionato gli altri due presunti complici, adesso assolti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here