Liberi e Uguali sceglie il coordinamento provinciale: Cafà, “candidature condivise…non siamo il Pd”

 
0
L'assemblea di Liberi e Uguali

Gela. Anche a sinistra del Pd, le politiche del prossimo marzo iniziano a bussare alla porta. Liberi e Uguali, quasi come da schema consolidato, non vuole candidature imposte dall’alto. Devono essere i territori a decidere e l’hanno ribadito anche quelli che stanno organizzando il movimento a livello cittadino e provinciale. Questa mattina, assemblea in città, con gli esponenti di tutta la provincia e non solo. “I seggi che verranno espressi dal territorio – dice il coordinatore provinciale di Sinistra Italiana Paolo Cafà che confluisce in Liberi e Uguali – sono certamente ambiti, anche in base alle percentuali che vengono attribuite al movimento. Siamo però convinti che debbano essere espressione di scelte che verranno condivise da chi i territori li vive. Non possiamo cadere negli stessi errori di altri partiti, a cominciare dal Pd”. Così, l’assemblea ha scelto i componenti del coordinamento provinciale. Ci sono lo stesso Cafà e l’altra gelese di Sinistra Italiana Anna Bunetto, ma anche Salvatore D’Arma di Articolo 1 e, ancora, Angelo Marotta, Saro Cusumano, Andrea Grottadaurea e Maria Teresa Pinazzo. Sarà il coordinamento a valutare i possibili nomi da schierare in vista di marzo.

“Facile dirsi a sinistra del Pd…”. “Le candidature dovranno tenere conto delle rappresentanze territoriali, in ottica unitaria, di concerto con le segreterie nazionali – si legge nel documento finale – ed è stato altresì sottolineato che l’unica alternativa alla deriva liberista del nostro paese, che è sempre più fragile, povero e diseguale, è la sinistra di Liberi e Uguali, sinistra di governo e del lavoro, per l’affermazione dei diritti civili e sociali e in rappresentanza delle classi e delle categorie sociali più deboli”. A questo punto, Liberi e Uguali potrebbe a breve costituire un comitato anche in città. “Dobbiamo essere chiari – conclude Cafà – questa è una sinistra che sta con il lavoro e non con gli interessi dei padroni. Oramai, dirsi a sinistra del Pd è fin troppo facile, bisogna dimostrarlo nei fatti e con scelte nette”. Il fatto che il Partito Democratico, almeno a livello locale, sia impegnato a sanare i continui conflitti interni, potrebbe aprire spazi di manovra ad una sinistra che, seppur derivata dallo stesso ceppo politico dem, ha scelto di affrancarsene, sostenendo Pietro Grasso.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here