“Udc in maggioranza? Aderisca prima del ricorso”, Trainito: “Troppo facile salire su carro vincitori”

 
2
Trainito contro i passaggi "facili" in maggioranza

Gela. “Se il ricorso del centrodestra non venisse accolto, confermando l’esito elettorale, spero sia direttamente il sindaco a dare un segnale di cambiamento, che ritengo necessario”. E’ uno dei consiglieri comunali di riferimento dell’avvocato Lucio Greco a chiedere discontinuità amministrativa. L’esponente di “Un’Altra Gela” Rosario Trainito è sempre stato piuttosto franco nell’ammettere le difficoltà che la maggioranza e l’amministrazione comunale stanno incontrando. “Anche il ricorso ha pesato – dice ancora – il sindaco si è trovato in difficoltà nel fare scelte che, al momento, non sa se potrà confermare, in attesa della decisione del Tar. Credo, comunque, che lui stesso si stia accorgendo dei problemi e dell’incapacità di qualche assessore, che forse per inesperienza è quasi soggiogato dalle decisioni dei dirigenti”. Per Trainito, dopo l’esito del ricorso, sarà necessario un nuovo passo amministrativo. “Non entro nel merito delle scelte assessoriali né sulle eventuali nomine – continua – mi ritengo un fedelissimo del sindaco, anche perché nutro fiducia nella sua persona. Però, non accetterei l’eventuale passaggio in maggioranza di esponenti dell’opposizione”. Una parte dei centristi, a cominciare dal consigliere comunale Udc Salvatore Incardona che ha definitivamente rotto con il centrodestra, è data verso gli “arcobaleno” di Greco. “Per coerenza, il sindaco dovrebbe mantenere il patto elettorale con chi lo ha sempre sostenuto, senza mai fargli la guerra politica – continua – se il ricorso non venisse accolto, ci sarà l’interesse di tanti a passare in maggioranza. E’ troppo facile salire sul carro vincente. Se l’Udc vuole passare in maggioranza, lo faccia prima della discussione del ricorso. Si dichiarino già domani. Serve maggioranza di qualità e non di quantità”. Un messaggio politico più che chiaro. Trainito è nel gruppo politico di riferimento del sindaco. “Un’Altra Gela”, almeno per ora, dovrebbe mantenere una connotazione non partitica.

“I rapporti nel gruppo sono ottimi – conclude – se il sindaco, come ha più volte dichiarato, intenderà mantenersi fuori dai partiti, noi lo sosterremo. Personalmente, ho sempre spiegato di essere vicino al centrodestra”. Il ricorso segna un passaggio politico decisivo. La geografia dell’assise civica potrebbe subire scossoni e tra gli “arcobaleno” si dovranno rimettere tutte le caselle al posto giusto.

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here