Melfa si appella al Comune ed alla Polizia. “Apriamo parzialmente il Presti”

 
0

Gela. Nuovo tentativo per riaprire al pubblico lo stadio Vincenzo Presti, seppur con una capienza ridotta. Questa mattina il presidente del Gela, Maurizio Melfa, ha incontrato il sindaco Lucio Greco, gli assessori Di Stefano e Liardi ed il dirigente del settore Lavori pubblici Tuccio, cui ha espresso la necessità di rendere fruibile l’impianto di via Niscemi, seppur con una capienza ridotta (massimo 200 spettatori). L’amministrazione ha spiegato che sono in atto le ultime relazioni di staticità delle quattro tori faro e delle mura perimetrali. Ecco perché si giocava a porte chiuse al Presti.

L’idea messa in campo è quella di sfruttare la gradinata, già collaudata e certificata, con una capienza non superiore alle 200 unità. “Ritengo – dice il presidente Melfa – che si possa chiedere nel rispetto di ogni normativa, l’autorizzazione a giocare al Presti al commissariato di Polizia. Chiederemo un incontro al Primo dirigente spiegando le necessità. Aggiungo che il Mattei è diventata una trappola pericolosa per i calciatori. Ne abbiamo perso diversi per distorsioni e infortuni anche gravi (vedi Costarelli). Domenica scorsa anche un calciatore  del Rosolini dopo 25 minuti ha dovuto lasciare il campo in barella proprio per colpa del fondo campo che apparentemente sembra perfetto ma non lo è. Confidiamo nel buon senso di tutti”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here