“Su sanità decidono sindaco e assessore”, Greco-Gnoffo: “Trainito faccia il suo lavoro”

 
0
Greco e Gnoffo richiamano all'ordine Trainito

Gela. Un richiamo all’ordine, indirizzato al presidente della commissione consiliare sanità Rosario Trainito, che anche ieri ha lamentato il fatto che il sindaco non abbia coinvolto la stessa commissione nella vicenda dell’hub vaccinale e nel sopralluogo al PalaCossiga. Questa volta, a chiedere il rispetto dei ruoli non è solo il sindaco Lucio Greco (con il quale Trainito è spesso stato in disaccordo) ma anche l’assessore alla sanità Nadia Gnoffo, in quota Forza Italia, area politica del consigliere. “Ancora una volta, assistiamo alle uscite pubbliche di un consigliere comunale che, evidentemente, proprio non riesce a capire cosa voglia dire far parte di un gruppo di maggioranza e continua a reclamare cose che non gli competono. Il riferimento, naturalmente, è a Rosario Trainito, che in qualità di presidente della commissione sanità – dicono Greco e Gnoffo – non ha forse compreso le prerogative del suo ruolo, che non è assimilabile in alcun modo a quello di un assessore con delega alla sanità”. Per sindaco e assessore, i malumori di Trainito sono ingiustificati. “Le commissioni consiliari esercitano funzioni consultive e preparatorie degli atti e dei provvedimenti consiliari e di controllo sull’attività dell’amministrazione comunale, presentano al consiglio comunale relazioni e proposte, oltre ai documenti che ritengono opportuni nelle materie di loro competenza. Ergo, l’80 per cento della sua attività riguarda il civico consesso, non a caso è una commissione consiliare. Sull’amministrazione comunale ha solo una funzione di controllo e di indirizzo politico. Pertanto – aggiungono – se il sindaco viene contattato per fare un sopralluogo al PalaCossiga, non necessariamente il consigliere Trainito deve essere coinvolto. Da regolamento, le commissioni consiliari possono consultare organismi e strutture rappresentative operanti nell’ambito territoriale di interesse del Comune”. Greco fa inoltre capire che l’ultima parola spetta comunque a lui. “Trainito, quindi, può anche, come ha annunciato, richiedere un incontro alla direzione generale dell’Asp e al direttore sanitario dell’ospedale, ma ogni decisione dovrà comunque passare dal tavolo del primo cittadino e dell’assessore competente. Nessuno mai ha escluso la commissione sanità dal confronto e dal dialogo istituzionale. Presidente e componenti – dicono sindaco e assessore – sono sempre stati invitati a tutte le riunioni nelle quali il loro apporto poteva essere utile, valido e costruttivo. Ma quale contributo poteva dare Tranito durante il sopralluogo al PalaCossiga, visto che non conosce i problemi di quella struttura ed è una vicenda per la quale non ha mai neanche mostrato interesse?”.

Addirittura, dalle stanze della giunta arriva un invito palese. “Trainito pensi a fare bene il suo lavoro – concludono – nel rispetto delle competenze e delle prerogative che gli spettano ed eviti nuovi scontri e polemiche inutili”. Un nuovo dissidio interno alla maggioranza, che arriva mentre gli equilibri dei pro-Greco sono tutt’altro che solidi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here